Anice, intero

I semi dell'anice hanno un sapore dolce e intenso che si sposa perfettamente con il finocchio, il cardamomo, la cannella o il pepe. Insaporisce il pesce, i crostacei, le lenticchie, i dolci lievitati

È disponibile nei seguenti formati:

Anice, intero

Pimpinella anisum

Aroma e gusto

L'anice ha un gusto piacevolmente dolce e fresco che ricorda il mentolo. L'aroma dell'anice assomiglia a quello della liquirizia.
La parte della pianta utilizzata come spezia sono i suoi frutti essiccati Essi contengono un olio essenziale che deve il suo aroma principalmente a una sostanza attiva, l'anetolo. L'anice ha un alto contenuto di oli essenziali.  Per questo motivo si consiglia di utilizzarlo in misura moderata in cucina.

Da sapere

L'anice appartiene alla stessa famiglia dell'aneto, finocchio e kummel. Queste piante fanno parte della famiglia delle Ombrellifere. L'anice è una pianta originaria del Mediterraneo orientale. È una delle spezie più antiche e più ricche di tradizioni. Coltivata sin dall'antico Oriente, in Egitto e nell'antica Roma, veniva utilizzata soprattutto per piatti a base di carne, pesce e per salse.

Consigli sull'utilizzo

  • Si consiglia di acquistare l'anice intera. Deve essere conservata in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce del sole, in un barattolo a tenuta ermetica. Così conservata manterrà a lungo il suo aroma.
  • L'anice ha un aroma intenso e deve essere utilizzata in modo moderato. Una presa, una puntina, queste sono le dosi ideali.
  • L'aroma dell'anice diventa più intenso se prima di essere utilizzato si fa tostare un poco in una padellina antiaderente, senza l'aggiunta di grassi, a fuoco moderato. Appena comincia a emanare il suo profumo, togliere la padellina dal fornello e utilizzare per insaporire i cibi.
  • L'anice si sposa bene con una bouillabaisse, con le capesante o con piatti orientali (ad es. tajine marocchini).

Abbinabile a:

l'anice si abbina bene con: finocchio, cacao, cardamomo, scorza di arancia, pepe e cannella.